Ciclabile Golena del Po: partendo dall’argine di Cremona, nelle immediate vicinanze delle Colonie Padane, in via del Sale, si può arrivare oltre Casalmaggiore, in zona Cicognara. Adatta a tutti, all’inizio ci sono un paio di chilometri di sterrato ma decisamente facile, poi inizia la ciclabile vera e propria aiutata da segnaletica stradale che guida il cicloturista con semplicità attraverso gli argini. Più a lungo la si percorre e più diventa dura per il semplice motivo che è decisamente lunga.

Il Parco Sovracomunale della Golena del Po rappresenta certamente uno dei percorsi più significativi per conoscere ed apprezzare l’ambiente fluviale padano ed i suoi caratteri principali. Articolato lungo 60 km tra Cremona e Casalmaggiore, con la coda aggiuntiva di 7 km in aperta golena casalasca, il tracciato si dipana infatti in larghissima parte lungo argini comprensoriali, strade alzaie e vicinali. Ben dieci sono i territori comunali attraversati: Cremona, Gerre de’ Caprioli, Stagno Lombardo, Pieve d’Olmi, San Daniele Po, Motta Baluffi, Torricella del Pizzo, Gussola, Martignana Po e Casalmaggiore, solcando la pianura cremonese sud-orientale fino ai confini con le province di Mantova e Parma. Tutto parla del fiume in questi paesi e nelle loro campagne: la toponomastica di cascine e strade, le rogge, le santelle e gli oratori, le baracche dei pescatori e le barche di legno, la flora e la fauna. Non di rado si possono incontrare zone umide, paleoalvei, paludi, stagni e bodri, alcuni dei quali vincolati dalla legge regionale 86/83 come monumenti o riserve naturali. La pista offre anche numerosi spunti di interesse sotto il profilo storico-architettonico, nonché occasioni di piacevole ristoro enogastronomico. L’itinerario, a tratti dedicato e a tratti ad uso promiscuo con veicoli a motore e mezzi agricoli, si sviluppa su strade asfaltate o sterrate a basso traffico utilizzando prevalentemente il sistema arginale.